Piccoli piaceri antistress

Oggi non mi va di dedicarmi ai libri, anche se è scontato che come antistress, i libri sono sempre perfetti; ovviamente per me.
Più che altro ho pensato di selezionare 7 consigli, piccoli e semplici, che però potrebbero aiutarvi anche a vivere meglio le giornate e ad affrontare meglio i problemi; alcuni di questi mi toccherà anche provarli, perché se non dò di matto in questi giorni, non darò mai più: il lavoro sembra essere sempre più sfuggente (in generale, il mio rapporto col mondo del lavoro non è mai stato idilliaco), la mia “operazione-dieta” mi sa che fallirà miseramente e la mia testa è in tilt a causa dei mille e più pensieri che la affollano, provocati da piccoli e grandi problemi. Che caos! Toccherà far tesoro di ciò che ora andrò scrivendo….


Cherries

1. MANGIAR CILIEGIE, GUSTANDOLE UNA AD UNA
Sedersi in tutta tranquillità a mangiar ciliegie, una dopo l’altra, in un momento di tranquillo goloso relax ci fa tornare un po’ bambini. Ogni ciliegia è così diversa: le durone Anella hanno polpa croccante, le Ferrovia sono succose, le Vignola dolcissime, le amarene si sciolgono in bocca, acidule, profumate. Le ciliegie, oltretutto, sono diuretiche, un po’ lassative, alleviano la gotta e i dolori reumatici e contengono vitamina A, B1, PP e C. Mangiar ciliegie…ecco un momento relax che fa davvero bene!


Be grateful

2. PROVARE GRATITUDINE PER LE PICCOLE COSE
Una vita piena e bella è caratterizzata dalla mancanza di paura, dallo stupore, dall’incanto, dalla gioia. Quella che si provava da bambini a rotolare da un pendio erboso, a tuffarsi nelle onde. Da adulti una grande chiave per ritrovare la stessa gioiosa intensità è la gratitudine. Gratitudine per tutte le persone che ci hanno aiutato, incoraggiato, amato; gratitudine per le piccole cose: la fioritura profumata di una pianta, il sorriso di un bambino, un buon pane, un grazie… Pensarci rasserena.


Diario segreto

3. SCRIVERE UN QUADERNO SEGRETO
Nell’era del computer scrivere a mano su un prezioso quaderno, scelto con cura, è riscoprire un piacere profondo e molto intimo. Il gesto della mano che scrive, srotola e rende più chiari i pensieri creando spazio e calma nella mente. Il quaderno segreto può contenere il diario delle proprie emozioni o proprie frasi poetiche, annotazioni, pensieri, liberando la voglia di sperimentarsi.
Se ne può fare un rilassante rituale quotidiano, un momento di ritorno a se stessi che aiuterà a capirsi meglio.


Profumo lillà4. RESPIRARE IL PROFUMO DELLE ROSE E DEI LILLÁ
Quando sentiamo un aroma, le terminazioni nervose poste nel naso (più di dieci milioni) inviano un messaggio al sistema limbico che presiede alla memoria e alle emozioni, poi all’ipotalamo, che regola il sistema ormonale. Per questo i profumi agiscono sull’equilibrio emotivo e psichico e sono capaci di alleviare l’ansia, la tristezza e lo stress. Quello della rosa regala armonia, apertura del cuore, ispirazione artistica, quello del lillà porta a sviluppare l’intuito. Da respirare a fondo, a lungo.


Nuvole5. GUARDARE LE NUVOLE, IL CIELO
Alzare gli occhi da terra, dalle incombenze quotidiane, guardare le nuvole che si spostano leggere è un rilassante piacere troppo spesso dimenticato. Sono così affascinanti le nuvole che si potrebbe stare ore a guardarle. Si può imparare quali portano la pioggia (i nembo-strati, scuri e alti), quali annunciano un cambio di tempo (i cirro-strati, che si sfilacciano in lungo), ma soprattutto si può liberare la fantasia, scoprire immagini dietro le loro forme mutevoli, farsi emozionare dalla loro bellezza.


Respirare con la pancia6. RESPIRARE MORBIDAMENTE CON LA PANCIA
Un respiro tranquillo calma la mente, dà pace, rasserena. Per trovarlo, basta stendersi con un cuscino sotto le ginocchia e le mani sul ventre osservando che quando l’aria esce dal naso la pancia si abbassa, quando entra un po’ si dilata, anche verso i fianchi. Guardando così il respiro per una decina di minuti, sentendo l’energia delle mani che rende caldo e morbido il ventre, si entra in un profondo, piacevole relax molto riposante, capace di allontanare anche eventuali dolori di pancia e stomaco.


Sunset7. GUARDARE IL TRAMONTO, IN SILENZIO
Comunicare i propri pensieri a chi ci è caro è necessario, importante, vitale. Però condividere il silenzio è altrettanto bello. Sedersi con una persona cara accanto a guardare un rosso tramonto in silenzio è un’esperienza profonda, risanatrice.
Rimane importante coltivare la capacità di godere a pieno, insieme, della bellezza preziosa che la natura ci regala, senza dover andare con le parole a ricordare avvenimenti passati, senza affaticarsi a pensare a cosa si farà dopo. Insieme, essere pace.

Non voglio aggiungere altro, per non rovinare questi (a mio parere) bei consigli.
See you soon!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...