Ricominciamo: recensioni del nuovo anno!

Buongiorno!

É da tanto, tantissimo tempo che non pubblico sul mio blog! Innanzi tutto, colgo l’occasione per fare a tutti indistintamente tanti cari auguri di buon anno nuovo, sperando che abbiate passato le feste nel migliore dei modi 🙂

Mi ritrovo qui ancora a condividere con voi le mie recensioni di povera ragazza che non sa nulla di esse, ma che prova costantemente a scriverle…

Ma presto, questo blog mi sarà utile anche per condividere un mio piccolo progetto personale che non ha nulla a che vedere con i libri, ovvero La Bottega di una Lou; non vi anticipo nulla, ma se volete venire a visitarmi vi accoglierò calorosamente!

Dunque, passiamo alle cose importanti…le recensioni! Rispetto a quelle che ho già pubblicato su qLibri, sono un pochino indietro: piano piano cercherò di mettermi in pari ^_^

Vi auguro una buona lettura e mi auguro che col nuovo anno riuscirò a trovare più tempo (e quindi più costanza) nell’aggiornare questo piccolo spazio nel megamondo di internet…. ♥

TEMPI TERRIBILI di SERGIO L. DUMA

Dunque…forse per la prima volta ho serie difficoltá nel cominciare una recensione. Non perché questo romanzo non mi sia piaciuto, tutt’altro! Ma perché fare un riassunto quantomeno comprensibile di questa trama….mi risulta impossibile. O meglio: impossibile fare un riassunto che non mi faccia sembrare pazza. E questo é “Tempi terribili”: un romanzo pazzo, psicopatico e psicotico, mozzafiato e psichedelico.

Premettendo il fatto che non mi sono mai drogata (meglio puntualizzarlo!), “Tempi terribili” é un po’ come farsi una pista di coca…o forse di LSD? (Ammesso che di quest’ultimo ci si possa fare una pista; come dicevo, non sono un’intenditrice :P)
“Tempi terribili” è cosí; assolutamente fuori di senno: una trama incredibilmente contorta, un romanzo sessualmente disinibito (e basta leggere il primo capitolo per capirlo); tutto in “Tempi terribili” é, per usare un eufemismo, “fuori dalla divina grazia”…insomma gente, diplomaticamente direi che questo romanzo é una bomba. Piú terra a terra, mi esprimo con «É una gran figata!».

Personaggi fuori dall’ordinario e che non hanno nulla in comune, si trovano invischiati in un unico vortice frenetico di avvenimenti che li (e vi) lascerá senza il tempo di respirare e capire.

Un romanzo pazzesco.
A metá ero un po’ infastidita dal ripetersi di «sono arrivati i tempi terribili» e simili; ma poi…qualcosa ha iniziato a prender forma. Un’idea. E quell’idea si è insinuata nella mia mente, cominciando a farmi temere questi tempi terribili. E poi…e poi volevo saperne di piú, sempre di piú. Mi sembrava di capire cosa c’era sotto, ma non afferravo del tutto quell’idea che mi stavo facendo e che mi stava “intrippando” il cervello.

Lo stile dell’autore mi é piaciuto molto; la lettura é scorrevole e complicata allo stesso tempo.
Un unico, piccolissimo appunto lo devo fare per la mancanza di qualche spaziatura quando cambia il personaggio di cui si parla; o almeno, questo é l’appunto che avrei fatto quando ero ancora nella prima metá del romanzo.
Ora, ho come il sospetto che la mancanza di spaziatura sia dovuta alla volontá dell’autore di creare ancora piú caos. Geniale!

Vi lascio con un paio di citazioni…super 🙂

“Si vede che vorrebbe portarsela a letto e lei ci starebbe pure. Non é la Venere Supersonica? E la Venere Supersonica é tosta e disinibita. La disinvoltura sessuale é parte del personaggio, no? Oddio, ora tanto tosta e disinibita non si considera, peró. Colpa di quel cazzo di Gesú Cristo.”
[e qui la sottoscritta, dopo una grassa risata, ci ha aggiunto un bell’«amen»]

“Fatima Kamikaze é l’amichetta che fa per voi! Per meglio far emergere i vostri sani, divertenti, esagerati, piccoli istinti terroristici! Disponibile in tutti i negozi! Uccidete mamma e papá con Fatima Kamikaze!”
[…..ahahah!]

Ecco alcuni esempi di quanto pazzo sia “Tempi terribili”.
Lo adoro.